Schede Territorio in Toscana

Trovate 588 schede in Toscana - Pagina 3 di 59
[1]  [2]  [3]  [4]  [5] 
[] []
pisa livorno grosseto siena arezzo firenze prato pistoia lucca massa

Pinacoteca Nazionale di Siena (scheda: 5324) Pinacoteca Nazionale di Siena
sorge nel Palazzo Bonsignori
categoria: :.Attrazioni :.Musei
Ospitata nel Palazzo Bonsignori ebbe origine dalla raccolta dell'abate Giuseppe Ciaccheri, e arricchitasi da successivi lasciti e spoliazioni, comprende opere della pittura senese dal XII al XVII secolo. La scuola pittorica locale si distingue da que
Centro civico per l'arte contemporanea La Grancia (scheda: 5325) Centro civico per l'arte contemporanea "La Grancia"
opera in diretto contatto con gli artisti dell'arte moderna
categoria: :.Attrazioni :.Musei
Inserito nella rete del "Sistema Musei Senesi", questo centro è l'unica struttura pubblica della provincia che si occupi attivamente della diffusione dell'arte moderna operando in diretto contatto con gli artisti. Situato a Serre di Rapolano, il mus
Convento di Montesenario (scheda: 4709) Convento di Montesenario
voluto nel 1234 da sette nobili fiorentini
categoria: :.Attrazioni :.Chiese
Il complesso religioso sorge su di un'altura che domina la vallata del Mugello. Fondato nel 1234 da sette nobili fiorentini, esso comprende il Santuario, l'Ospizio, il Convento e alcune grotte e cappelle sparse nel vicino bosco. Ampliamenti furono re
Palazzo Capponi (scheda: 4710) Palazzo Capponi
con affreschi del XVI secolo
categoria: :.Attrazioni :.Palazzi
Situato quasi di fronte al Ponte Santa Trinita, questo Palazzo rappresenta una vera e propria celebrazione della famiglia Capponi: il salone del primo piano è infatti completamente affrescato dal pittore Bernardino Poccetti con storie che celebrano l
Monumento a Ferdinando I (scheda: 4711) Monumento a Ferdinando I
nella Piazza SS. Annunziata
categoria: :.Attrazioni :.Monumenti
Realizzata come quella del padre Cosimo I di Piazza Signoria dal Giambologna, fu in realtà l’ultima opera dello scultore fiammingo che morì prima di averla ultimata. Fu portata a termine dal suo allievo Pietro Tacca (autore del Porcellino) nel 1608.
Chiostro Grande nella Chiesa di S. Maria Novella (scheda: 4712) Chiostro Grande nella Chiesa di S. Maria Novella
si visita solo con permesso del Comando della scuola Carabinieri
categoria: :.Attrazioni :.Chiese
Si tratta del più grande Chiostro di tutta la città. Il porticato risale al 1300, mentre gli affreschi che lo decorano sono del 1500 e rappresentano la Storia di Gesù e dei Santi Domenicani. Attualmente occupato dalla Scuola Carabinieri di Firenze, è
Chiostro Grande di S. Trinita (scheda: 4713) Chiostro Grande di S. Trinita
annesso alla bellissima chiesa omonima
categoria: :.Attrazioni :.Chiese
Il chiostro appartiene alla chiesa di S. Trinita considerata la chiesa più elegante e raffinata di Firenze. All'interno di questa è possibile ammirare alcuni bellissimi affreschi, mentre la facciata è opera del Buontalenti. via del Parione tel.
Cenacolo di San Marco (scheda: 4714) Cenacolo di San Marco
opera del Ghirlandaio
categoria: :.Attrazioni :.Chiese
Dipinto da Domenico Ghirlandaio (1449-1494) nel 1479 nell'ambiente del refettorio piccolo. Notevole è l'attenzione al particolare che ha sempre contraddistinto il Ghirlandaio: la ricchezza della scena dettata dai colori ora tenui ora vivaci, un Crist
Chiesa di San Giovanni dei Cavalieri (scheda: 4715) Chiesa di San Giovanni dei Cavalieri
ospita un convitto per sacerdoti anziani
categoria: :.Attrazioni :.Chiese
Sin dalle origini la chiesa è stata un oratorio annesso il convento costruito nel 1362 che, agli inizi, ebbe funzione di ospedale denominato S. Niccolò dei Frieri. Alla fine dei secolo XIV fu destinato alle monache dell'ordine Gerosolimitano che vi r
sorge sulle colline di Ponte a Signa (scheda: 4716) sorge sulle colline di Ponte a Signa
ospita un convitto per sacerdoti anziani
categoria: :.Attrazioni :.Chiese
Il giardino all'italiana, con una insolita struttura a losanga, si affaccia sulla valle dell'Arno ed è meta ambita delle passeggiate dei fiorentini. Il giardino della villa, che anticamente apparteneva ai Pucci, deve la sua sistemazione attuale al te
[1]  [2]  [3]  [4]  [5] 
[] []